NASA – Scoperto Un Sistema Planetario Simile A Quello Solare

 
DAL BLOG 

– IlFattaccio –

SCOPERTO UN SISTEMA PLANETARIO SIMILE A QUELLO SOLARE

(By pjmanc)

26 LUGLIO 2012

PROPRIO COME SUCCEDE NEL NOSTRO SISTEMA

Pianeti che ruotano attorno alla loro stella con un’orbita allineata all’equatore. Il sosia del sistema solare
E’ stato scoperto un sosia del Sistema Solare, i cui pianeti ruotano intorno alla loro stella con una configurazione simile a quella del nostro sistema planetario. Descritti sulla rivista Nature, i pianeti orbitano intorno alla stella chiamata Kepler-30 simile al Sole. La scoperta si deve a un gruppo di ricerca statunitense coordinato da Roberto Sanchis-Ojeda, del Massachusetts Institute of Technology (Mit) ed è stata possibile grazie al telescopio spaziale Kepler della Nasa, che ha scoperto i tre mondi extrasolari mentre transitavano davanti alla loro stella. E’ la prima volta che viene scoperto un sistema planetario di questo tipo e il risultato potrà aiutare a far luce sulle condizioni che determinano l’architettura di un sistema planetario. I pianeti sono stati chiamati Kepler-30b, Kepler-30c, Kepler-30d e sono tutti più grandi della Terra: hanno un raggio superiore di circa 4 volte, 13 e 10 volte quello del nostro pianeta. Come accade nel Sistema Solare, i pianeti hanno un’orbita allineata all’equatore solare, presumibilmente, spiegano gli esperti, per la loro formazione da un unico disco gassoso. In molti sistemi extrasolari, invece, i pianeti non hanno questa disposizione e presentano orbite non allineate con l’equatore stellare probabilmente a causa di caotiche interazioni dei pianeti durante la loro formazione o a causa di influenze dovute a stelle vicine. Un esempio per tutti sono i cosiddetti ‘Giove caldi’, pianeti giganti che orbitano vicino alle loro stelle, spesso disallineati con l’equatore stellare e alcuni con orbite retrograde, ossia che ruotano in senso opposto alla loro stella. Il fatto che alcune orbite planetarie possono essere perfettamente allineate con il piano dell’equatore della loro stella, mentre altre sono allineate ‘selvaggiamente’ dimostra, secondo gli autori della ricerca, che abbiamo ancora molto da imparare circa la formazione e l’evoluzione delle orbite dei pianeti.

Fonte: Ansa – http://www.cadoinpiedi.it

Redatto da Pjmanc http:/ ilfattaccio

 

Aggiungo un video correlato a queste scoperte – Lori

Annunci

~ di cacciatricedisogni su 27 luglio 2012.

11 Risposte to “NASA – Scoperto Un Sistema Planetario Simile A Quello Solare”

  1. Cara Lori, confesso che l’astronomia non ha mai catturato la mia attenzione, anche se notizie come questa dovrebbero facilmente far pensare un pò tutti a quanto sia sempre piccolo quello che per noi è già un universo vastissimo!
    Almeno rappresenta un pò di evasione dall’assillo delle notizie su spread e indici di borsa, oggi su, domani giù, a seconda di chi ha aperto la bocca più o meno a proposito.
    Un abbraccione e un felice weekend per te!

    • Già, una notizia del genere, stacca finalmente con tutti i “mali” di questo
      mondo. Dato appunto che anch’io come molti, dalla gente comune, agli
      astrofisici credo che in un Universo così vasto (noi ne conosciamo solo
      il 5% circa) ci possano essere sicuramente delle forme di vita, sia primordiali che altamente avanzate tecnologicamente, e possano in qualche
      modo interagire in futuro, o invisibilmente o apertamente, affinchè ci
      aiutino a progredire in tutti i sensi, inculcandoci una volta per tutte che
      il potere e il denaro sono sì mezzi che danno onnipotenza (solo qui) ma
      alla lunga portano ad assuefazione e alla dannazione, perchè il denaro
      e il potere quando è troppo fa paura, e chi lo detiene ne diventa schiavo,
      molti personaggi del passato hanno fatto una fine davvero misera per questo, e continuerà sempre così, se usato malamente.

      P.S. In alcuni casi, non spiegabili, si ritiene che:
      forme di vita extraterrestre abbiano in passato, durante
      la guerra fredda, disinnescato testate nucleari pronte a essere
      usate. E’ tutto documentato. Basta andare a cercare le fonti giuste.
      Ne parlò anche una trasmissione televisiva.

      Il caso di Caronìa (ME) ha dell’incredibile. Lo so perchè conosco
      una persona che ci abita. Mi disse che si pensò ad onde elettromagnetiche. Andò avanti questo fenomeno per diverso tempo.
      Mi disse che vennero da tutto il mondo a studiare questo fenomeno,
      che, appunto lì per lì fu liquidato come ti dicevo sopra. Venne anche
      la NASA, interessata al caso, e disse che erano sì onde elettromagnetiche,
      ma la cosa inspiegabile era che avevano una potenza tale che, noi, non
      avremmo potuto riprodurle con la nostra tecnologia attuale, morale:
      se due più due fa quattro… Questi sono i fatti documentati. Poi ognuno
      si fa la propria opinione.

  2. L’Universo è immenso e non può non contenere altri sistemi solari e altri pianeti come il nostro,abitati. Tutto questo ci indurrà a riscoprire l’umiltà che ci insegnava Emmanuel Kant,quando asseriva che la grandezza sta nel riconoscersi piccoli di fronte all’Infinito… Bacione Ale

    • Io come Te Alessandro ho sempre sostenuto che se l’uomo pensa
      di essere l’unico abitante dell’Universo, o Universi, è davvero
      presuntuoso. Emmanuel Kant con la sua famosa citazione, ci ha
      fatto capire che nell’Infinito noi non siamo che un granello di polvere.
      Un grande abbraccio, Lori. ❤

  3. qualcosa di nuovo e di diverso ciao lori

  4. Qualcosa che è realtà e non più supposizione, finalmente. Tutti
    i “S. Tommaso” ora, non potranno affermare il contrario.
    Ciao Giorgio, buon weekend, Lori. 🙂

  5. […] La scoperta si deve a un gruppo di ricerca statunitense coordinato da Roberto Sanchis-Ojeda, del Massachusetts Institute of Technology (Mit) ed è stata possibile grazie al telescopio spaziale Kepler della Nasa, che ha …  […]

  6. Chissà quanti ce ne sono ancora in giro per l’universo.
    Magari uno tutto per me,te e i gatti ahahahha che bella che sei.

  7. Ahahah… si..si… “The cat’s planet” non so se l’ho scritto giusto,
    Dove si parla il miciese… 😀

    • Si dove si parla ilmiciese che forte…:)
      Sono stato un pò al mare come sai fa ancora tanto caldo mi sa che emigro al Nord in cerca di refrigerio 🙂
      Buon ferragosto e un magica serata Lori.
      Un abbraccio.
      Soul.

      • Scusa il ritardo Ciro, ti ringrazio per il tuo passaggio.
        Caspita anche qui fa un caldo asfissiante, vorrei
        trovarmi in un igloo al polo nord, sopporto meglio
        il freddo di certo! Buona giornata dolce e magico
        amico, un grande abbraccio con affetto, baci, Lori. 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: