Nel Vero Presente

trasparenteserenità

 

 

Fino a qualche anno fa pensava che l’unica vera compagna

della sua vita fosse la sua solitudine.

Aveva provato a tradirla con la materialità della vita,

delle persone conosciute nel corso degli anni. Amici,

compagne, amanti, ma ogni volta, era come una strada

sconosciuta, dove per quanto tu faccia e aguzzi la vista,

non esiste un’indicazione, nessun cartello che ti dica

dove tu sia. Si perdeva ogni volta, ed ogni volta

non voleva ammettere, nemmeno a sè stesso,

la delusione. Così, l’andirivieni di situazioni,

scoperte gradite e non, stupori e amarezze

lo cristallizzarono in un presente fatto di passato,

di ricordi da cui era difficile districarsi.

Nelle sere d’autunno, spesso, aveva l’abitudine di

camminare in città, in quei vicoli dove, ormai, il giorno

aveva lasciato posto alla notte e al suo alone di

antichi misteri, giù per i borghi, che si vestivano

di umidità pre-invernale. In quei luoghi, una sera,

incontrò il nuovo sè stesso, capace di ributtarsi

nel vero presente, senza rimpianti per il passato,

per ciò che nel bene e nel male non sarebbe più

potuto tornare indietro.

Quella sera camminò senza fretta verso casa, certo che

da quel momento, qualcosa d’importante

sarebbe successo nella sua vita.

Un’inspiegabile leggerezza dell’animo lo pervase,

arrivò davanti alla porta di casa, ma prima di aprirla,

si voltò verso la strada, scrutò la via, le case di fronte.

Stette ancora un attimo ad assaporare

quel momento così unico e profondo pensando

che il domani avrebbe avuto un nuovo inizio

e nuove parole da scrivere nelle pagine della sua vita.

*Lorenza de Simone*

Annunci

~ di cacciatricedisogni su 31 agosto 2013.

10 Risposte to “Nel Vero Presente”

  1. Bella l’immagine e bello l’articolo di profumo autunnale.
    Sei magica grande amica un abbraccio con affetto.

    Soul.

  2. da quanto siamo vivi …abbiamo sempre pagine nuove da scrivere cara lorenza………….
    sereno proseguimento di fine-settimana x te con affetto

  3. Bellissima pagina di romanzo.Molto profonda l’introspezione dell’anima del protagonista; il messaggio che si intravede è quello della speranza,della fiducia in svolte epocali nella propria vita,capaci di ridonare la gioia di vivere. Ti abbraccio,carissima amica. Un bacione.

    • Hai centrato in pieno ciò che volevo si avvertisse leggendo
      questo breve racconto. l’introspezione dell’anima e la speranza,
      quella vera, che non lascia spazio alla tristezza e all’incertezza del
      domani. Ti abbraccio anch’io Ale, con solarità,
      Lori.

  4. Bello pensare di poter rinascere ancora e ancora.
    Ciao

  5. I miei migliori saluti…Soul.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: