Nannarella

Ce metti una vita intera per piacerti, e poi, arrivi alla fine e te rendi conto che te piaci. Che te piaci perchè sei tu, e perché per piacerti c’hai messo na vita intera: la tua. Ce metti una vita intera per accorgerti che a chi dovevi piacè, sei piaciuta… e a chi no, mejo così. Anche se lo ammetto, è più raro trovà un uomo a cui piaci, che te piace, che beccà uno ricco sfondato a Porta Portese! Ce metti na vita per contà i difetti e riderce sopra, perché so belli, perché so i tuoi. Perché senza tutti quei difetti, e chi saresti? Nessuno.
Quante volte me sò guardata allo specchio e me so vista brutta, terrificante. Co sto nasone, co sti zigomi e tutto il resto. E quando la gente me diceva pe strada “bella Annì! Anvedi quanto sei bona!” io nun capivo e tra me e me pensavo “bella de che?”.
Eppure, dopo tanti anni li ho capiti. C’ho messo na vita intera per piacermi.
E adesso, quando me sento dì “bella Annì, quanto sei bona!”, ce rido sopra come na matta e lo dico forte, senza vergognarmi, ad alta voce “Anvedi a sto cecato!

*Anna Magnani*

Messère Autunno

autumn-fairy-167374-high-quality-and

E’ arrivato il tempo che Messère Autunno

attendeva da molto.

Il suo arrivo è velato da una sottile malinconia,

da una dolce sinfonia che accompagna le

creature in viaggio verso terre calde e lontane.

Innamorato da sempre di Madre Natura,

ogni anno le fa dono di rare essenze

di muschio, di delicati fiori d’erica e

ciclamini, di caldi colori baciati

dal sole, l’ultimo piacevole e tiepido sole

prima che i gelidi venti invernali

spazzino via tutte le foglie, le bellissime

ultime foglie.

(Lorenza de Simone)

13847771

1483411_1526675730891977_1604442517_n