Donne come poesia

24312526_544102022616537_4666257648706927538_n

Ci sono donne che hanno occhi di terra e di acqua,
che attraversano le stagioni e il tempo
dipingendo il mondo con le loro intuizioni e percezioni.
Sono consapevoli, introspettive, mature,
generose e determinate.
Donne che attraversano il dolore
per giungere alla luce.
Sanno superare le giornate di vento e di pioggia,
di nebbia dell’anima,
hanno la forza di rinascere ogni volta
che la vita le delude.
Donne che vibrano di magia e di mistero,
che conoscono il principio e la fine delle cose,
che sanno riempire i vuoti
nelle anime che incontrano,
alimentare la nostra vita con alchemici incanti.
Perché l’Amore ce l’hanno nell’anima,
lo creano, lo respirano e lo donano.
 
– A. Degas –
 
 
 
 

Nel Vero Presente

trasparenteserenità

 

 

Fino a qualche anno fa pensava che l’unica vera compagna

della sua vita fosse la sua solitudine.

Aveva provato a tradirla con la materialità della vita,

delle persone conosciute nel corso degli anni. Amici,

compagne, amanti, ma ogni volta, era come una strada

sconosciuta, dove per quanto tu faccia e aguzzi la vista,

non esiste un’indicazione, nessun cartello che ti dica

dove tu sia. Si perdeva ogni volta, ed ogni volta

non voleva ammettere, nemmeno a sè stesso,

la delusione. Così, l’andirivieni di situazioni,

scoperte gradite e non, stupori e amarezze

lo cristallizzarono in un presente fatto di passato,

di ricordi da cui era difficile districarsi.

Nelle sere d’autunno, spesso, aveva l’abitudine di

camminare in città, in quei vicoli dove, ormai, il giorno

aveva lasciato posto alla notte e al suo alone di

antichi misteri, giù per i borghi, che si vestivano

di umidità pre-invernale. In quei luoghi, una sera,

incontrò il nuovo sè stesso, capace di ributtarsi

nel vero presente, senza rimpianti per il passato,

per ciò che nel bene e nel male non sarebbe più

potuto tornare indietro.

Quella sera camminò senza fretta verso casa, certo che

da quel momento, qualcosa d’importante

sarebbe successo nella sua vita.

Un’inspiegabile leggerezza dell’animo lo pervase,

arrivò davanti alla porta di casa, ma prima di aprirla,

si voltò verso la strada, scrutò la via, le case di fronte.

Stette ancora un attimo ad assaporare

quel momento così unico e profondo pensando

che il domani avrebbe avuto un nuovo inizio

e nuove parole da scrivere nelle pagine della sua vita.

*Lorenza de Simone*