Un popolo meraviglioso aveva già previsto tutto

CapoSeathl
Capo indiano Seathl

Capo Indiano Seathl della Lega dei Suquamish e Duwamish in risposta alla proposta del presidente americano Franklin Pearce di acquistare tutte le terre indiane esclusa una riserva.

Lettera di Capo Seathl

“Il grande Capo che sta a Washington ci manda a dire che vuole comprare la nostra terra. Il grande Capo ci manda anche espressioni di amicizia e di buona volontà. Ciò è gentile da parte sua poiché sappiamo che egli non ha bisogno della nostra amicizia in cambio. Noi considereremo questa offerta, perché sappiamo che se non venderemo l’uomo bianco potrebbe venire con i fucili e prendere la nostra terra. Quello che dice il Capo Seathl il grande Capo di Washington può considerarlo sicuro, come i nostri fratelli bianchi possono considerare sicuro il ritorno delle stagioni. Le mie parole sono come le stelle e non tramontano.

Ma come potete comprare o vendere il cielo ed il calore della terra?

Questa idea è strana per noi. Se noi non possediamo la freschezza dell’aria e lo scintillio dell’acqua come puoi tu comprarle? Ogni parte di questa terra è sacra al mio popolo. Ogni ago scintillante di pino, ogni radura, ogni velo di nebbia in mezzo ai boschi oscuri, ogni goccia di rugiada, sono sacri nella memoria e nell’esperienza del mio popolo. La linfa che scorre negli alberi porta la memoria del mio popolo, mentre i morti dell’uomo bianco dimenticano la terra della loro nascita quando vanno a camminare fra le stelle. I nostri morti non dimenticano mai questa bella terra perché noi siamo parte della terra ed essa è parte di noi. I fiori profumati sono le nostre sorelle, ed il cervo, il cavallo e la grande aquila sono i nostri fratelli. Le cime rocciose, le essenze dei prati, il colore del corpo del cavallo e l’uomo, tutti appartengono alla stessa famiglia. Perciò, quando il Grande capo che sta a Washington ci manda a dire che vuole comprare la nostra terra ci chiede troppo.

Egli ci manda a dire che ci riserverà un luogo dove potremo vivere comodamente per conto nostro. Dice che lui sarà per noi come un padre e che noi saremo i suoi figli. Perciò noi prendiamo in considerazione la sua offerta, ma non sarà facile accettarla perché la terra ci è sacra. L’acqua pura e scintillante dei nostri torrenti e dei nostri fiumi non è soltanto acqua per noi, ma è il sangue dei nostri antenati. Se noi saremo costretti a vendervi la terra voi dovrete ricordare ed insegnare ai vostri figli che essa è sacra e che ogni riflesso nell’acqua limpida dei nostri laghi parla di eventi e memorie della vita del mio popolo. Il mormorio dell’acqua è la voce del padre di mio padre. I fiumi sono nostri fratelli che estinguono la nostra sete. I fiumi portano le nostre canoe ed i loro pesci nutrono i nostri bambini. Se vi venderemo la nostra terra, voi dovrete ricordare ed insegnare ai vostri figli che i fiumi sono nostri e vostri fratelli e dovrete perciò trattare i fiumi con la gentilezza e l’amore con cui trattate i vostri fratelli. L’uomo rosso si è sempre ritirato di fronte all’avanzata dell’uomo bianco, come la rugiada sulle montagne si ritira davanti al sole del mattino.

Noi sappiamo che l’uomo bianco non capisce i nostri pensieri ed il nostro modo di vivere

Per lui un pezzo di terra è uguale ad un altro, poiché lui è uno straniero che vive di notte e prende dalla terra tutto ciò che vuole. La terra non è sua sorella ma sua nemica e quando l’ha conquistata egli continua la sua strada. Lascia dietro di se la tomba di suo padre e non se ne cura, così come dimentica il luogo di nascita dei suoi figli. Egli tratta sua madre, la terra, e suo fratello, il cielo, come cose che si possono comperare, usare, vendere come pecore. Il suo stolto appetito divorerà la terra e lascerà dietro di sé solo un deserto. Le nostre maniere sono diverse dalle vostre. La vita nelle vostre città urta con la nostra sensibilità: non vi è alcun posto quieto nella città dell’uomo bianco, nessun luogo in cui sentir vivere la natura. Io sono un uomo rosso e non riesco a capire: il rumore delle vostre città ferisce le nostre orecchie. Come può vivere sereno un uomo che non può ascoltare il grido solitario del succiacapre, lo stormire delle foglie in primavera o il gracidare delle rane intorno agli stagni di notte? L’indiano preferisce i suoni smorzati del vento che muove le foglie nel bosco, e anche l’odore stesso del vento pulito dalla pioggia e profumato dai pini.

Per l’uomo rosso l’aria è preziosa perché tutti gli esseri viventi dividono la stessa aria, lo stesso respiro.

L’aria è un aspetto delle spirito che ci fa vivere. Il vento che ha permesso il primo respiro ai nostri antenati è anche quello che riceve il nostro ultimo respiro. L’uomo bianco non sembra però accorgersi dell’aria che respira e, come un uomo da molti giorni in agonia, egli è insensibile alla puzza. Se noi vi venderemo la nostra terra, poi dovrete tenerla come sacra, considerarla un luogo dove l’uomo può gustare il vento fra i fiori e gli arbusti del bosco. L’uomo bianco dovrà trattare gli animali e tutti gli esseri viventi di questa terra come fratelli. Noi non conosciamo altro modo di vivere. Abbiamo visto migliaia di bisonti imputridire nella prateria, abbattuti e lasciati lì dall’uomo bianco che gli aveva sparato dal treno che passava. Noi non comprendiamo come un cavallo di ferro sbuffante possa essere più importante dei bisonti che noi uccidiamo solo per vivere. Che cosa è l’uomo senza gli animali? Se tutti gli animali sparissero, l’uomo morirebbe in una grande solitudine di spirito poiché ciò che accade agli animali prima o poi accade all’uomo: tutte le cose sono legate fra di loro. Dovete insegnare ai vostri figli che la terra sotto i loro piedi contiene la cenere dei nostri antenati.

Dite ai vostri figli che la terra è ricca per la vita dei nostri antenati che l’hanno amata. Insegnate ai vostri figli, come noi l’abbiamo insegnato ai nostri, che la terra è la nostra madre. Tutto ciò che è buono proviene dalla terra ed arriva ai figli della terra. Qualunque cosa viene fatta alla terra, la stessa cosa succede ai figli della terra: se l’uomo sputa sulla terra egli sputa sopra se stesso. Noi conosciamo queste cose: sappiamo che la terra non appartiene all’uomo, ma è l’uomo che appartiene alla terra. Tutte le cose sono legate fra di loro, tutto ciò che si fa per la terra lo si fa per i suoi figli. Non è l’uomo che ha tessuto la trama della vita, egli ne è soltanto un filo. Tutto quello che fa alla terra lo fa a se stesso. Tutte le cose sono collegate fra di loro come il sangue che unisce una famiglia. Ma noi considereremo la vostra offerta di andare nella riserva che avete stabilito per il mio popolo. Noi vivremo per conto nostro e in pace. I nostri figli hanno visto i loro padri umiliati nella sconfitta, i nostri guerrieri hanno provato la vergogna e, dopo la sconfitta, essi passano la giornata nell’ozio e contaminano i loro corpi con cibi dolci e bevande forti. Importa poco dove noi passeremo il resto dei nostri giorni: essi non saranno molti.

Ancora pochi inverni e nessuno dei figli delle grandi tribù che una volta vivevano sulla terra, e che percorrevano in piccole bande i boschi, rimarrà per piangere le tombe di un popolo una volta potente e pieno di speranze come il nostro. Ma perché dovrei piangere la scomparsa del mio popolo? Le tribù sono fatte di uomini:niente di più. Gli uomini vanno e vengono come le onde del mare. Anche l’uomo bianco, con il quale il Buon Dio si accompagna e parla da amico, non può essere dispensato dal destino comune. Prima di tutto, forse, noi siamo fratelli. Noi lo vorremmo volentieri. Formiamo una grande fratellanza con tutte le cose. Noi sappiamo una cosa che l’uomo bianco dovrà conoscere un giorno: il nostro Dio è il suo stesso Dio. Può darsi che ora voi pensiate di possedere Dio, come desiderate possedere la nostra terra, ma voi non potete possederlo. Egli è il Dio dell’uomo e la sua compassione è uguale per l’uomo rosso come per l’uomo bianco. La terra è preziosa a Lui e nuocere alla terra è pura ignoranza. Fare male alla terra significa disprezzare il suo Creatore.

L’uomo bianco, se continua a nuocere alla terra, si distruggerà da solo.

Continuate a contaminare il vostro letto e verrà una notte che rimarrete soffocati dai vostri stessi rifiuti. Ma se voi perirete sarà solamente per il volere di Dio che vi portò su questa terra e che, per un qualche scopo, vi diede il dominio sulla terra e sull’uomo rosso. Questo destino è un mistero per noi. Quando i bisonti saranno stati tutti massacrati ed i cavalli selvaggi tutti domati, quando tutti gli angoli della foresta saranno invasi dall’odore di molti uomini e la vista delle verdi e boscose colline sarà rovinata dai fili che parlano, allora l’uomo si chiederà: dove sono gli alberi ed i cespugli? Non ci sono più. Dov’è l’acqua? Non c’è più.
L’inizio della sopravvivenza, la fine della vita.

Capo Seathl 

Rifugio

30f5688fbaf0c8da143a72597cfc22c5

“Madre della Natura parla con la sua famiglia.

Persona di pietra,
fiore selvatico e lupo sono
i suoi amici.

Tessendo i ritmi delle stagioni Ella cavalca i
venti del mutamento,
aprendo con gioia il suo
cuore,
rifugio contro fame e dolore.

Custode dei bisogni della terra,
di relazioni
grandi e piccole,
Madre,
io ti vedo nella goccia
di rugiada,
ti ascolto nel grido dell’aquila.”

(Jamie Sams-Cherokee-Seneca)

Impressioni di settembre – P.F.M.

52bb875cd331a33b06f3cba6aba7979d

 

Quante gocce di rugiada intorno a me,
cerco il sole ma non c’è…
Dorme ancora la campagna, forse no,
è sveglia, mi guarda, non so.
Già l’odore della terra odor di grano,
sale adagio verso me.
e la vita nel mio petto batte piano,
respira la nebbia, penso a te.

Quanto verde tutto intorno e ancor più in là,
sembra quasi un mare l’erba,
e leggero il mio pensiero vola e va
ho quasi paura che si perda…
Un cavallo tende il collo verso il prato
resta fermo come me:
faccio un passo, lui mi vede, è già
fuggito…
Respiro la nebbia, penso a te.
No, cosa sono adesso non lo so
sono un uomo, sono un uomo in cerca di se stesso
no, cosa sono adesso non lo so
sono solo, solo il suono del mio passo…
Ma intanto il sole tra la nebbia filtra già:
il giorno come sempre sarà. Aria tersa d’un settembre che pare senza fine
aria già fredda
acqua già fredda…
intorno irripetibili colori e silenzi
e foglie cadute e cadute
e nubi bigie a rimpiattino
e il mio rabbrividire…
la giacca stretta al petto…
un sapore di uva…
e dita attaccaticce…
e il giorno
come vai bello
come sempre possente:
Come sempre…

La Donna Che Aspetta

10898157_10152947059053608_1909045129475601603_n

“La donna che aspetta non si guarda dietro, non si guarda davanti. Si guarda dentro, e cresce. La donna che aspetta invoca il vento, le stelle, i mari, e culla nei suoi occhi i sogni che fanno girare la terra. La donna che aspetta sa che non è la barca, quel che lei aspetta; ma che è la barca che sta aspettando lei.”

*Joumana Haddad*

Le Crepe Dell’Anima

12191002_421856374678204_4051876581732641873_n

             

Ci sono persone profonde, limpide, autentiche, e per questo… quasi sempre fragili come

una foglia sferzata dal vento. Aspettano impazienti che il crepuscolo ceda il posto alla

sera e alla notte che avanza. Quando tutto questo viene rispettato, la sacra Luce si fa

strada tra le crepe dell’anima. Non c’è altra via. Senza queste sofferte e preziose 

fenditure, nulla potrebbe entrare e nulla potrebbe insegnare loro a vivere di nuovo,

ancora una volta.

(Lorenza de Simone)

 

piante-ostinate-42-26087860_MGTHUMB-BIG

 

 

 

 

 

 

 

 

                                         

 

 

 

 

 

 

 

 

    

                                   

 

 

                                       

Terra Di Ruggine

african_princess_by_funkwood-d93yebr

Voglio varcare

la tua atmosfera dorata,

passeggiare sui sentieri

bruciati dal tuo sole impietoso.

Seguire l’ombra silenziosa

di un ghepardo

che cammina

sulle tue dolci dune.

Sedermi a contemplare

le tue distese

di terra rossa come ruggine

trasportata dal vento.

Terra nata Madre,

Terra sommessa di pianto,

gioia, umiltà.

La tua ricchezza

è nelle tue sacre radici.

Nella savana al tramonto

il sole stanco

è spettatore di antichi riti tribali

dove i canti

si elevano a quel cielo

di rubino e corallo rosato.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

<-(| cacciatricedisogni

 

Ai Confini Del Tempo

 

bluimmenso

L’oracolo disse: “Attraversa i confini del tempo,

6fccc566ac29a6adda0b0cc13cb2984b

Quando ti troverai davanti

all’ingresso della foresta terrena

11698651_388998501297325_8567951278691706485_n

incontrerai sul tuo cammino

gli esseri che in lei dimorano

e che ti mostreranno il giusto sentiero

da percorrere.

Il primo sarà lo spirito custode

del lago blu,

59544_673470376015879_1731895786_n

 ti darà le chiavi

del tempio delle

due lune.

2 key_of_the_ice_lord_by_drayok-d54lnmfER

Chiedi allo spirito qual è

il percorso da seguire per poter

incontrare la civetta della notte.

993819_436133679917140_7833537392833452361_n

Quando l’avrai incontrata, domandale

quanto cammino ci sarà ancora

da fare perché sorga il sole

così che tu possa portare con te

la libellula azzurra che riposa

sulla grande pietra.

Lei ti indicherà come proseguire.

246494_10151491196903608_1063607412_n

La libellila disse: “Ti aiuterò a trovare tre cose sacre che servono

per poter accedere all’entrata del tempio:

I tre fiori di ghiaccio,

10553449_1575462479369730_7093049124844743404_n

 cinque tulipani di velo,

1380769_10151915797353608_1309538450_n

ma solo quelli tessuti dai ricordi delle driadi,

le ninfe delle querce,

PORTALE DELLE FATE

ed infine dovrai

portare con te

sette gocce di luce

che crescono

nella radura delle ombre.

1457582_10151993350368608_1600457269_n

Quando avrai con te queste tre cose,

io ti lascerò per tornarmene

a volare sull’acqua del lago blu.

C’è poi un’ultima cosa

da cercare, ma dovrai trovarla da te:

il diadema che rubarono

alla grande signora della foresta,

1497370_1529050677404925_6773390083942313252_n

quando lo troverai, portalo

al suo cospetto, ed oltre

a farle trovare pace, lei

ti ricompenserà indicandoti

la via segreta

per arrivare al tempio

delle due lune.

11230660_1015282641866991_6646992338377872254_n

Ti ringrazierà e per renderti più agevole

il cammino chiamerà le farfalle turchesi

che illumineranno il difficile percorso.”

11039375

Arrivata al tempio delle due lune, entrando,

Ellenel sentì una voce che le disse:

“Devi depositare molte scintille

una alla volta

là dove sta morendo la vita,

così che rinasca nuova vita.”

Così cominciò la sua missione.

scintille-celesti-yael pardina

Era venuta dal suo tempo

all’altro tempo. Portò con sè

le scintille celesti, erano

inesauribili e, dove si posarono,

12821427_838305356298731_4196377079799045067_n

nacque vita pulsante,

nuova natura…

la più bella che avesse mai visto…

12485961_936352423113428_2834263598557870172_o

cascate…

482367_347471085363735_1583351500_n

foreste imponenti…

12063809_430696393783246_7770327233297309078_n

aria tersa…

sacred_unity_by_phatpuppyart-d4c13z4

animali meravigliosi…

2016 - 1

perfino

piccole rane colorate,

così belle da sembrare

pietre preziose…

482423_521218064607192_781609109_n

nuove specie di fiori…

20813_585247271510563_1990567094_n

Ed ecco… gli spiriti della natura si misero

all’opera. Non c’era più tempo

da perdere.

Ognuno continuò

il proprio compito.

Quelli della terra,

10451851_423762444444288_2184201056998022302_n

quelli dell’acqua,

11987189_822279821204671_1117677142472020469_n

quelli dell’aria,

943975_831866076942659_6044374391342840624_n

gli spiriti del fuoco,

Claudia Lucia McKinney(PhatPuppyArt)-www.kaifineart.com-3

gli spiriti dell’armonia.

12923116_249360855407252_3425241283409115109_n

Ogni cosa nascosta

germogliò

 forte, fiduciosa.

12249976_426192754244566_4408575075199105322_n

Tutta la foresta la salutò

e i suoi spiriti

 la protessero sempre.

11755281_538431359644062_2527276936695167440_n

l’Anima della Terra

cominciò a guarire

e l’Amore continuò

ad essere

il potere più grande

dell’universo.

Anime

<-(| cacciatricedisogni