Nove anni…

•14 novembre 2019 • 4 commenti

tumblr_6320c3587d044bab66c3681c88ecb6d3_256a5eab_400

 

Sei come la bellezza di un tramonto.

La notte di nove anni fa, ci lasciasti

il tuo ultimo bellissimo sorriso,

che per me è l’immenso di quello

che ci hai donato.

Nel silenzio ti sento,

nel silenzio ti abbraccio.

 

(zia Lorenza)

 

e84a353e1a12ac90cbe99a7cba1fc042

 

 

Parole e Silenzio

•13 novembre 2019 • 4 commenti

11873481_695571920543075_7371230278259078071_n

Ogni parola ha delle conseguenze. Ogni silenzio anche…

– J. P. Sartre –

 

Sentiero fra campi di grano

•30 ottobre 2019 • 8 commenti
img_20191001_071750-e1570179813694.jpg

– Sentiero fra campi di grano – Trompe l’oeil su pannello di legno, matite colorate.

IMG_20191007_112100

E’ un lavoro che mi è stato commissionato per la chiusura di un caminetto. Ogni volta che disegno o dipingo, è come se fossi trasportata nell’immagine stessa, tutto il resto, rimane sospeso nel tempo, come un fermo immagine… E’ davvero stupefacente ciò che l’arte riesce a trasmettere, in ogni sua forma. Anche la natura è arte, arte poi riportata su tela, gesso, legno, fotografia, cartoncino, scultura, o qualsiasi altro materiale. Perfino la musica ha un suo potere, sa come riportarti indietro nel tempo, tra ricordi e stati d’animo. Le sue note ti fanno viaggiare in luoghi immaginari o reali. L’arte astratta poi, traduce le sensazioni più profonde dell’artista, e il modo di vedere le varie sfumature della vita. Non importa quanto una persona sia brava o meno, l’arte è qualcosa che ti accompagna nei meandri della tua interiorità. Fa bene all’anima, ne alleggerisce il carico. Penso che non sia un rinchiudersi in sé stessi, ma piuttosto… un aiuto per far emergere ciò che si ha dentro, esternandolo senza disagio… meglio di mille parole.

Rifugio

•24 ottobre 2019 • 6 commenti

30f5688fbaf0c8da143a72597cfc22c5

“Madre della Natura parla con la sua famiglia.

Persona di pietra,
fiore selvatico e lupo sono
i suoi amici.

Tessendo i ritmi delle stagioni Ella cavalca i
venti del mutamento,
aprendo con gioia il suo
cuore,
rifugio contro fame e dolore.

Custode dei bisogni della terra,
di relazioni
grandi e piccole,
Madre,
io ti vedo nella goccia
di rugiada,
ti ascolto nel grido dell’aquila.”

(Jamie Sams-Cherokee-Seneca)

Disegni

•12 ottobre 2019 • 6 commenti

IMG_20191009_114048

Sì, lo so che è la scia di un aereo, ma per me, un angelo si è divertito a disegnarci

sopra una piuma…

 

 

 

 

Dedicata a tutte le donne-Grazie Giuliana @>->—

•5 ottobre 2019 • 10 commenti

eba1c8e94ebb5067e607f95ca25337cb

 

Grazie Giuliana, a nome di tutte.

Giuliana Campisi

Se sei una donna forte
proteggiti dalle bestie che vorranno nutrirsi del tuo cuore.
Usano tutti i travestimenti del carnevale della terra:
si vestono da sensi di colpa, da opportunità,
da prezzi che si devono pagare.
Non per illuminarsi con il tuo fuoco
ma per spegnere la passione
l’erudizione delle tue fantasie
Non perdere l’empatia, ma temi ciò che ti porta a negarti la parola,
a nascondere chi sei,
ciò che ti obbliga a essere remissiva
e ti promette un regno terrestre in cambio
di un sorriso compiacente.
Se sei una donna forte
preparati alla battaglia:
imparare a stare sola
a dormire nella più assoluta oscurità senza paura
che nessuno ti tiri una fune quando ruggisce la tormenta
a nuotare contro corrente.
Educati all’occupazione della riflessione e dell’intelletto.
Leggi, fai l’amore con te stessa, costruisci il tuo castello, circondalo di fossi profondi però fagli ampie porte e finestre.
E’ necessario…

View original post 92 altre parole

Impressioni di settembre – P.F.M.

•30 settembre 2019 • 11 commenti

52bb875cd331a33b06f3cba6aba7979d

 

Quante gocce di rugiada intorno a me,
cerco il sole ma non c’è…
Dorme ancora la campagna, forse no,
è sveglia, mi guarda, non so.
Già l’odore della terra odor di grano,
sale adagio verso me.
e la vita nel mio petto batte piano,
respira la nebbia, penso a te.

Quanto verde tutto intorno e ancor più in là,
sembra quasi un mare l’erba,
e leggero il mio pensiero vola e va
ho quasi paura che si perda…
Un cavallo tende il collo verso il prato
resta fermo come me:
faccio un passo, lui mi vede, è già
fuggito…
Respiro la nebbia, penso a te.
No, cosa sono adesso non lo so
sono un uomo, sono un uomo in cerca di se stesso
no, cosa sono adesso non lo so
sono solo, solo il suono del mio passo…
Ma intanto il sole tra la nebbia filtra già:
il giorno come sempre sarà. Aria tersa d’un settembre che pare senza fine
aria già fredda
acqua già fredda…
intorno irripetibili colori e silenzi
e foglie cadute e cadute
e nubi bigie a rimpiattino
e il mio rabbrividire…
la giacca stretta al petto…
un sapore di uva…
e dita attaccaticce…
e il giorno
come vai bello
come sempre possente:
Come sempre…